Sarà la Wyde srl a gestire il MATT

Sarà la WYDE SRL, società milanese specializzata nella formazione e gestione di aziende, con il progetto MATT PLAYGRUOND, a gestire MATT (acronimo di Macerata – Artigianato – Tecnologia – Territorio) il nuovo spazio urbano frutto della riqualificazione dell’ex Mattatoio.

Wyde è stata infatti posizionata al prima posto della graduatoria dalla commissione che ha preso in esame le proposte arrivate all’Amministrazione comunale di Macerata a seguito del bando emanato che prevede la gestione degli spazi assegnata a titolo di comodato gratuito, inizialmente per il periodo di tre anni eventualmente rinnovabile per ulteriori tre anni.

La riqualificazione degli spazi dell’ex mattatoio comunale e la loro conseguente gestione è parte integrante e rilevante del Progetto Start Macerata le cui finalità sono state promosse ad inizio 2019 dal Comune di Macerata e fatte proprie da un nutrito gruppo di istituzioni economico finanziarie e di formazione universitaria del territorio (www.startimprese.it). Obiettivo quello di creare un ambiente più favorevole alla nascita e allo sviluppo di nuove imprese centrate in particolare su capacità innovativa e competenze delle giovani generazioni.

“La scelta di Wyde srl  – interviene l’assessore Mario Iesari – è un passaggio importante per il progetto Start che individua un qualificato operatore che avrà il compito di far funzionare, nelle nuove condizioni che stanno maturando, quello che ne sarà il motore e la vetrina; il nuovo Matt che nasce dalla riqualificazione degli spazi dell’ex mattatoio. Un luogo in cui Wyde, con la collaborazione del Tavolo dei sostenitori del Progetto, dovrà attrarre le migliori competenze ed imprese del territorio per generare opportunità di formazione, innovazione lavoro e sviluppo economico.”

Nel 2020 gli effetti economici e sociali delle azioni intraprese per contrastare la diffusione della pandemia rendono ancora più stringenti le esigenze di nuovi spazi, fisici e digitali, per l’impresa e per il lavoro. D’altra parte, rimangono centrali i fattori di successo già individuati da Start e cioè la diffusione delle competenze digitali, l’innovazione di prodotti e processi, la specializzazione in settori come la manifattura digitale, la produzione culturale, i servizi ai cittadini, la sostenibilità ambientale.

Il gestore assicurerà quindi, nel “nuovo mondo” che stiamo affrontando, la fruibilità di servizi e attività funzionali al sostegno delle nuove imprese del territorio locale, tra cui lo svolgimento d’incontri di formazione e relazioni di networking per la promozione della cultura dell’imprenditorialità e dell’innovazione, in piena coerenza con le finalità espresse dal progetto Start.

Per quanto riguarda  la struttura i lavori di adeguamento, finanziato dai fondi FESR e FSE della Regione Marche 2014-020 del progetto ITI (Investimenti Territoriali Integrati urbani) “In-Nova Macerata”, per un importo complessivo di 600.000 euro, stanno riguardando la rimozione delle attuali divisioni interne in cartongesso, la realizzazione di nuove pavimentazioni, di una coibentazione per l’isolamento acustico, controsoffittature per l’inserimento della parte impiantistica, tinteggiatura con idropittura e la sistemazione degli infissi, dovrebbero concludersi entro la fine di giugno poi si procederà con l’arredo degli spazi e l’installazione dei necessari servizi tecnologici. (lb)